21/06/2013

Questa mattina, torniamo da Lori’s Diner e, finalmente, Ale può assaggiare per la prima volta i pancake! E’ un suo piccolo sogno culinario che si avvera, quello di mangiare pancake a colazione, con lo sciroppo e tutto il resto… Io invece opto per un’abbondante colazione salata a base di pancetta, uova, patate e salsiccia. Oggi, naturalmente, salteremo il pranzo!

Tutto buono e, a pancia piena, andiamo a prendere il nostro autobus num. 30 per raggiungere il Presidio, un grande parco ai piedi del Golden Gate Bridge. L’obiettivo è quello di arrivare fino all’imboccatura del ponte, ma il bus inspiegabilmente termina prima la sua corsa e ci lascia troppo presto, all’imbocco di Fort Mason, sull’Oceano.

Visitiamo il molo, la Baia di SFO è meravigliosa vista da qui! Ci sono tantissime barche a vela e, di fatto, il vento è fortissimo, e… gelido!

SAM_0109

Saliamo dunque, a piedi, verso Fort Mason, decisi ad arrivare al ponte. Percorriamo viali alberati, attraversiamo un verde parco e passeggiamo lungo la Marina. Siamo fortunati: il ponte si vede bene, non c’è nebbia e il panorama è bellissimo. Notiamo, tra le altre, la famosa barca a vela Oracle, probabilmente qui per i mondiali di vela.

Ben presto però, dopo aver camminato per diversi km, ci rendiamo conto che il ponte è veramente lontano e decidiamo di tornare indietro con un bus per tornare al Fisherman’s Wharf e poi, da lì, al Pier 39.

SAM_0159

Il Pier è stupendo, pieno di gente e di negozietti particolari, di vita… Tra i negozi più curiosi: quello di magia, quello di articoli natalizi 365 giorni l’anno, Fairy Tales, dove il negoziante mi regala un pò di polvere di fata… è tutto vivo e coinvolgente! Assistiamo alla nascita di una perla dall’ostrica, saliamo su una scala i cui gradini sono tasti di un pianoforte e suonano ad ogni nostro passo, c’è persino una casa degli specchi… Non dimentichiamo naturalmente, i Leoni Marini, una delle attrazioni più simpatiche del Pier!

SAM_0175

Ci tratteniamo al Pier diverse ore, passeggiando e fermandoci, a tratti, per il dolore ai piedi. Eheh…

Ci fermiamo su una panchina e una signorina gentile e spettinata a causa di tutto quel vento ci si avvicina e ci chiede se può farci un’ intervista sui servizi offerti dal Pier, in cambio di un gelato gratis. Acconsentiamo, anche e soprattutto per far pratica con l’inglese, e cominciamo a conversare, rispondendo alle domande. Le chiedo, ad un certo punto, se tutto questo vento ghiacciato sia normale, fa un freddo da morire… Lei mi risponde che quella era una giornata calda, rispetto alle altre (alla faccia!), e che il vento gelido arriva direttamente dall’Artico, via Oceano. Ci dice anche che siamo fortunati perchè quel giorno non c’è nebbia, che normalmente avvolge baia e ponte.

Decidiamo dunque di fare un giro in barca. Dato che, al mattino, non siamo riusciti a raggiungere il Golden Gate Bridge con le nostre gambe, adesso ci passeremo addirittura sotto con l’aiuto di un mezzo di trasporto acquatico!

SAM_0213

Prendiamo una nave della flotta Bay Cruise Adventure, che fa un giro meraviglioso, arrivando dritta verso il ponte, passandoci sotto e tornando indietro, con una splendida vista sulla città e sui grattacieli che spuntano sulla collina, fino a giungere ad Alcatraz per circumnavigarla, l’ex prigione di massima sicurezza, ora meta di turisti e gabbiani, che conserva sempre il suo fascino oscuro. La crociera è un pò costosetta, se non ricordo male 28 $ a testa, ma devo dire che vale la pena, è uno dei ricordi più belli ed entusiasmanti di SFO!

SAM_0228

Concludiamo la serata, l’ultima a SFO, con una cena romantica sull’Oceano a base di granchio e zuppa di vongole. Ci fermiamo in un ristorantino  al Fisherman’s Wharf, che ha una vista spettacolare. Sarà la cena più costosa dell’intera vacanza, ma anche in questo caso, sono contenta di averla fatta, e di aver chiuso così, la parentesi di San Francisco.

SAM_0253

Il giorno dopo andremo a ritirare la nostra auto a noleggio, e partiremo con il vero e proprio viaggio on the road, percorrendo le strade della California, per giungere alla nostra prossima tappa: lo Yosemite National Park, regno di orsi, cervi, cascate e laghi… ma tutto questo lo scoprirete nella prossima puntata!

See You!

V.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *